Ricetta pane con pasta madre

In Fatto in casa

A dicembre ho dato il via alla creazione della pasta madre. Sono passati circa 5 mesi, ho fatto tanta sperimentazione, con vari approcci e ricette. Il lievito è molto giovane, molto suscettibile alle temperature. C’è ancora da provare, ma son pronto ad una prima condivisione.

In viaggio

Porto in viaggio con me un barattolino di pasta madre. Se non posso fare il pane per qualche motivo, basta che faccio un rinfresco ogni 3-4 giorni e la conservo in frigo. Conservo in frigo circa 100gr di pasta madre.

La ricetta per fare il pane si svolge in alcune fasi consecutive e due giornate nel complesso..

Vi guido con un esempio pratico. Poi potete rifare tutte le proporzioni. Con queste dosi viene fuori 1kg e qualche etto di pane. Per l’esempio diciamo che fate il pane per mangiarlo domenica a cena.

Preparazione

Sabato mattina tirate fuori il lievito naturale dal frigo. Dopo pranzo fate un rinfresco 70 + 70 + 35 (uso da ora in poi nell’articolo questa dicitura che indica in grammi le quantità rispettivamente di pasta madre, farina e acqua) e conservate in un barattolo di vetro chiuso.

Sabato sera, prima di andare a letto, fate un altro rinfresco 144 + 144 + 72 (stavolta il barattolo per conservare dev’essere di quelli da 1kg).

Domenica mattina il barattolo si sarà riempito completamente.

Estraete 40gr e fate un rinfresco 40 + 40 + 20, che metterete in frigo per la prossima volta.

Col restante ci facciamo il pane: 300gr lievito, 775gr farine miste, 450gr acqua e una manciata di sale.
Mischiate farina e sale. Sciogliete il lievito in acqua. Aggiungete 80% di farina…le procedure per la lavorazione e l’impasto le trovate nelle mie vecchie ricette.
Fate riposare circa 3 ore. Rimpastate, date una forma e lasciate altre 3 ore a riposare.

Preriscaldate il forno a 225° e infornate. Dopo 15′ abbassate a 180°; dopo 30′ togliete l’acqua, abbassate a 150° per 15′ oppure spegnete il forno e lasciate chiuso per altri 15′.
Aprite il forno e tenete il pane ad arieggiare bene su una griglia per evitare umidità sotto.

Ricordate sempre che a seconda del tipo di farina e di acqua che avete le proporzioni per fare il pane posso variare.

Buon divertimento e buon appetito!

Se apprezzi quello che scrivo e vuoi che continui così, metti mi piace alla pagina ^^


Condividi questo articolo citando la fonte, senza alterarne il contenuto e senza scopo commerciale: questo articolo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Submit a comment