Pollaio nella casa a Collistanza. Gestione quotidiana e casa

In Collistanza

Una cosa che mi ha subito colpito qui a Collistanza è la cura e l’attenzione rivolta ai polli. Mi piace molto come è strutturato il pollaio. C’è una grande zona aperta, protetta contro l’incursione di possibili predatori, e un’area al coperto, per ripararsi, dormire, covare, ecc.
L’area aperta è divisa in due, in modo da poter isolare chioccia e pulcini quando sono giovani: le altre galline possono infastidirli o anche attaccarli.

Il pollaio al coperto

L’area coperta invece contiene 3-4 gabbie usate per la cova o per pulcini feriti o abbandonati (può capitare che una chioccia abbandoni i pulcini e questi vanno necessariamente protetti). Sempre al coperto c’è una stanza con mangimi, lavabo, frigo, paglia, macchina per tritare granturco…insomma tutto il necessario per nutrirli (oltre ad avanzi di frutta e verdura dei nostri pasti che gli portiamo giornalmente da mischiare ai mangimi e qualche sfalcio di erba fresca per non dargli solo alimenti secchi). Ogni giorno gli abbeveratoi vengono puliti e l’acqua cambiata, per assicurarsi che non si formino alghe o funghi.

Durante certi orari il pollaio viene anche aperto e i polli possono scorrazzare liberamente in giro. Quando comincia ad imbrunire tornano dentro autonomamente. Stamattina mentre raccoglievo un po’ di farfara da essiccare, ho trovato un uovo deposto in mezzo all’erba: quando escono a volte lasciano qualche uovo in giro, ma solo di rado, in genere lo fanno nel pollaio.

Il terreno e le due case

La casa si trova su una lingua di terra scoscesa e tutto il terreno si sviluppa lungo questa discesa. La casa è in cima, subito sotto c’è l’orto, poi la mia casetta, poi il pollaio e poi giù ulivi e altre piante. Ancora non sono arrivato fino in fondo. Questo terreno non ha uno sviluppo molto gradevole: ti costringe a salire e scendere molto se devi lavorare e questo implica fatica e tempo, due cose che in campagna bisogna risparmiare, soprattutto se si hanno grandi estensioni e molte attività variegate. È bello, immerso nel verde, un po’ boschivo, non troppo caldo. Qui la terra è detta matta: fa un po’ come vuole. È argillosa e se non ben contenuta dalle radici dei grandi alberi, può franare e scivolare giù.

Il primo orto che avevano ha fatto una brutta fine: la terra è franata e se lo è portato via. In fondo ad un altro recinto si è tirata giù un blocco di terra. La frana forma delle terrazze naturali, che però sono instabili finchè la terra matta non si assesta del tutto.



Condividi questo articolo citando la fonte, senza alterarne il contenuto e senza scopo commerciale: questo articolo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Submit a comment