Plotino – L’anima umana e il suo ritorno all’Uno

In Senza categoria

Immagine: http://it.wikipedia.org/wiki/Plotino

Giunti al punto più basso dell’emanazione ha inizio la risalita o conversione (epistrofé), che soltanto l’uomo è in grado di compiere. Fra tutte le creature viventi, l’uomo è infatti l’unico essere dotato di libertà capace di invertire la necessità della dispersione, volgendosi alla contemplazione dell’intelligibile. Soltanto l’anima del sapiente però sa compiere questa ascesa: la maggior parte delle anime individuali, incarnate nel corpo, non avverte l’esigenza del ritorno all’unità perché non conosce la meta da raggiungere o perché non è in grado di arrivarci. Si crea così una profonda differenza tra i pochi uomini che riescono a raggiungere la salvezza, e le anime dei sofferenti che restano ciechi alla luce.

Per le poche anime elette si viene a determinare un sistema circolare: l’Anima universale, nata dall’emanazione delle precedenti ipostasi, emana l’anima individuale che ha la possibilità del ritorno. Si tratta di un ciclo che dalla processione risale alla contemplazione; dalla necessità alla libertà: sono due poli complementari, i due aspetti di una realtà sola. Il percorso delle Enneadi ricalca tale cammino circolare, descrivendo il passaggio dalla materia all’Uno, e il ritorno dell’Uno alla materia. Non è solo un percorso filosofico della mente, un modo di esposizione efficace delle teorie filosofiche, ma è un percorso dell’essere, un’ascesi di vita che fissa le tappe che ognuno può percorrere per la realizzazione di sé, in maniera simile ad un percorso per iniziati.

Questa polarità dentro l’unità si riflette anche nell’uomo, nel quale si trovano due opposte forze che confliggono, quelle due parti della nostra anima distinte e contrapposte che la dividono in una superiore ed una inferiore. Secondo Plotino, al momento della nascita l’anima umana perde coscienza del suo contatto con l’Uno, e l’intera vita del filosofo non è che un ritorno al principio originario. Platone affermava che l’uomo non cercherebbe con tanta energia qualcosa della cui esistenza non è nemmeno certo; al contrario, la forza con cui cerca la bellezza originaria è conseguenza del fatto che l’ha vista, e il conoscere non è altro che un ricordare sempre più quel momento in cui, prima di incarnarsi, aveva la verità davanti a sé.

Ora che l’anima umana si trova esiliata in questo mondo, forse per espiare una colpa, la parte originaria di sé, quella “non discesa”, avverte dunque in maniera più o meno inconsapevole la nostalgia del ritorno. Per ritrovare la via verso l’Uno e trascendere sé stessi, occorre secondo Plotino sprofondare in sé stessi: le ipostasi dimorano infatti nell’interiorità dell’anima. Il percorso di ascesi avviene tramite la catarsi, cioè la purificazione dalle passioni, liberandosi degli affetti terreni, cercando di avvicinarsi all’Uno ricorrendo al metodo della teologia negativa, cioè prendendo coscienza di ciò che non ci appartiene. Come già diceva Platone nel mito della caverna, occorre liberarsi dalle catene e dagli idoli della vita per arrivare a contemplare la verità. In maniera simile al suo maestro, anche Plotino ricorre spesso a immagini poetiche e suggestive. La catarsi è da lui paragonata all’azione dello scultore, che lavorando su un blocco di marmo elimina tutto il superfluo per trarne fuori la statua; è analoga al silenzio di chi vuole ascoltare la voce che desidera, non disturbata da rumori profani; è come una fuga da una terra straniera per tornare nella patria originaria. Al culmine delle potenzialità umane si ha l’estasi, vissuta dall’asceta quando l’anima è rapita in Dio, e si identifica con l’Uno stesso, compenetrandosi in Lui. L’Uno non viene contemplato perché non è un oggetto, ma il fondo stesso dell’anima: questa non lo può possedere, viceversa ne viene posseduta.

« Questa è la vita degli dèi e degli uomini divini e beati: liberazione dalle cose di quaggiù, vita sciolta dai legami corporei, fuga del solo verso il Solo. »

(Enneadi, VI, 9, 11, trad. di G. Faggin)

È opportuno evitare anche di parlare di panteismo naturalistico nel plotinismo, per il fatto che l’Uno è identico soltanto all’anima individuale, a cui sola è permessa l’estasi. Poiché vivere una tale esperienza è dato però raramente a pochissimi, Plotino raccomanda per lo più di condurre una vita virtuosa: la virtù dunque come semplice “mezzo” di elevazione. L’etica è da intendersi qui aristotelicamente come ricerca della felicità, consistente nella realizzazione della propria essenza, che è qualcosa di eterno, ingenerato e imperituro.

Il percorso di ascesi rimane comunque sempre guidato dalla ragione, che è il mezzo principale di cui il filosofo si serve nell’ascendere all’Uno. La razionalità dialettica è però soltanto uno strumento, che consiste nell’eliminazione e nell’oblio di tutti gli elementi particolari e contingenti della molteplicità. Scopo della dialettica è in un certo senso quello di eliminare o negare sé stessa, quando nell’estasi non si avrà né pensiero, né azione morale, né atto logico, essendo uno stato in cui la ragione si trova fuori di sé (ἐξ στάσις). L’estasi per Plotino non è un dono di Dio (come nel Cristianesimo) ma una possibilità naturale dell’anima, che però non scaturisce da una volontà deliberata: essa sorge da sé, spontaneamente, in un momento fuori della portata del tempo.

Estratto da Wikipedia

Se apprezzi quello che scrivo e vuoi che continui così, metti mi piace alla pagina ^^


Condividi questo articolo citando la fonte, senza alterarne il contenuto e senza scopo commerciale: questo articolo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Submit a comment