Omeodinamica, dietro le quinte

In Filosofia, La Nuova Terra

Se hai perso l’articolo precedente dedicato all’omeopatia nella omeodinamica, lo trovi qui.

Pianta e cosmo

A differenza dell’essere umano, le piante non hanno una coscienza individuale. Bisogna parlare di Io di gruppo, Principio individuale di Specie. Questo Io di gruppo fa esperienza ed evolve.
L’agricoltore deve ricollegare la pianta al suo Io di gruppo e alle forze cosmiche in grado di agire su di essa, che come ho spiegato nel precedente articolo, oggi scollegate a causa delle conseguenze dell’operato dell’uomo.

Portando alla pianta l’informazione opportuna, si permette all’Io di gruppo addirittura di attivare facoltà dormienti, come resistere al freddo o alla siccità o fare frutti più dolci, ecc. Quello che gli scienziati eseguono con la manipolazione genetica, insultando la Natura nel mixare geni perfino di regni differenti (da animale a vegetale ad esempio), può essere realizzato semplicemente dialogando con il creato.

Abbiamo visto come un esperimento realizzato qui dall’Istituto Eureka, si è giunti alle seguenti conclusioni:

  • L’acqua ha memoria
  • I corpi celesti influiscono sulla crescita delle piante
  • L’omeopatia può portare come forza-messaggio l’informazione carente

Dietro le quinte

A questo punto le domande che sorgono sono tante: cosa sono queste forze? Come operano i corpi celesti? Chi tesse le fila del tutto? Come si manifesta l’Immanifesto? Come si applica questa conoscenza al regno vegetale?
E molte altre ancora.

Devo dire che gli studi portati avanti qui mi hanno permesso di trovare la soluzione a quesiti cui quei biodinamici che ignorano l’antroposofia (e anche alcuni che la conoscono, ma più di nome che di coscienza) danno risposte non accettabili. Non è affatto facile aprirsi alla scienza dello spirito, ancor più che si vive intrisi di errate interpretazioni del mondo. Alcuni biodinamici confessano questa loro difficoltà nel varcare la soglia dell’antroposofia.

Sono costretto, per cercare di mostrarvi delle vie, a fare un po’ di sintesi. Non darò nulla per scontato, ma oltre certi limiti non andrò, perchè sono limiti che dovete superare individualmente.

So che ci sono persone seriamente interessate al percorso che sto facendo e soprattutto a loro consiglio le seguenti letture. Chiunque voi siate, non potrete che trarre beneficio da esse. Sono opere di Rudolf Steiner. Seguite questo ordine che vi aiuterà. Se riscontraste difficoltà in una, iniziate la successiva; è assai probabile che vi servirà per sbloccare la lettura precedente.

  • Teosofia
  • I Gradi della Conoscenza Superiore
  • L’Iniziazione. Come si conseguono conoscenze dei mondi superiori

Poi consiglio il download e la lettura di:

Lettura esoterica dei vangeli, Pietro Archiati. Il link apre la pagina dove scaricare il file pdf, è diviso in più parti. Stampatelo pure e dopo averlo letto regalatelo a qualcuno che saprete lo apprezzerà.

Così come Steiner non fornì a nessuno la pappa pronta, non è mia intenzione farlo. Per quanto mi è possibile, nei miei limiti e anche per il limite fisico di questo schermo, cercherò di accompagnarvi, ma solo chi ha occhi e orecchi per intendere, forza, coraggio e volontà, ostinazione, serietà e fiducia in sè stesso, e forse anche una guida celeste, varcherà le soglie.

Appena avete finito di leggerli avvisatemi, che così andiamo avanti 😉

Se apprezzi quello che scrivo e vuoi che continui così, metti mi piace alla pagina ^^


Condividi questo articolo citando la fonte, senza alterarne il contenuto e senza scopo commerciale: questo articolo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Submit a comment