Liberi di…essere umani. Diritti umani

In Persone, Viaggio Wwoof

Immagine: http://naturalknowledge247.com/book-review-of-the-four-agreements/

Da qualche mese a questa parte, ho ricevuto numerose richieste di ragazzi e ragazze che hanno deciso di intraprendere un percorso simile al mio. Di solito optano anche loro per un’esperienza di wwoof e quello che li accomuna è la voglia di scoprire sè stessi ribaltando la propria esistenza quotidiana, solitamente di provenienza cittadina, ed intraprendendo quest’avventura.

Le persone arrivano da studi personali di permacultura o bioedilizia, mossi da una profonda e sentita ricerca personale di vita, di sè stessi. Consapevoli del modo convenzionale di sopravvivere che la società attuale propone, sentono vibrare dentro di loro l’impulso del proprio io a costruire uno stile di vita proprio, spesso con uno spontaneo rapporto più intenso con la natura.

Una ragazza voleva cambiare vita. Veniva già da esperienze wwoof, ma desiderava avviare qualcosa per sè, quindi non più limitato ad alcuni mesi dell’anno. Vi posso dire che quando l’esistenza si fa più vicina alla madre terra, alle sole esigenze primarie, cambia la nostra scala di valori, cambiano le priorità. Si vede il mondo con un occhio nuovo, lo si vive e ci si rapporta con gli altri diversamente.
Purtroppo gli altri spesso non se ne rendono conto ed è difficile riuscire ad instaurare un dialogo costruttivo o con orecchie disposte al sentire e mente aperta all’ascolto. Ci sono sempre troppe grida nella testa a convincerti di non arrischiarti in alcuna impresa, di non destabilizzare il tuo equilibrio…che secondo me è più un precario squilibrio.
In natura, in campagna, il lavoro c’è sempre e deve piacerti. E’ privo di intermediari, sei tu che agisci direttamente per ciò di cui hai realmente bisogno.
Capisco bene la ragazza che vuole cambiare vita, anche se non mi piace parlare di cambiare vita. Ciò che cambia è il modo, la coscienza, la presenza, la qualità e la profondità.

Uscire dal sistema

Dopo un anno di wwoof non si torna più indietro. Si vuole completamente “uscire dal sistema”. Vengono a galla tutti i suoi limiti ai valori liberi che si vogliono abbracciare.
Eppure, anche questo approccio è errato. Questo mondo non pone limiti. Siamo noi a porci i limiti e a dare forza alla società. Le società sono state cambiate, cambiano, si rivoluzionano ed evolvono continuamente, non grazie all’inerzia della massa, ma grazie ad un certo numero di uomini coscienti e liberi, che si muovono per esprimere il loro livello evolutivo. Il resto della società, si adatterà di conseguenza.

Non ho ancora ricevuto delle risposte soddisfacenti a queste domande:

1. Per quale motivo uno stormo di uccelli migratori può attraversare il confine senza presentare documenti?

2. Per quale motivo dovrei essere governato?

3. Come e quando ho dato il mio consenso a norme che sento limitanti o lesive dell’essere umano?

Rispondendo non cercate di convincere me, ma provate a leggerle in prima persona e a rispondervi.

La società non è più forte di un essere umano libero. Questi problemi non sono nuovi e sono già stati messi nero su bianco. Chi ha letto le seguenti carte?

Dichiarazione universale dei diritti umani (DUDU):

Art. 1 Tutti gli esseri umani nascono liberi ed uguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.

Art. 2 Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione. Nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico o internazionale del paese o del territorio cui una persona appartiene, sia indipendente, o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o non autonomo, o soggetto a qualsiasi limitazione di sovranità.

Art. 3 Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà ed alla sicurezza della propria persona.

Art. 4 Nessun individuo potrà essere tenuto in stato di schiavitù o di servitù; la schiavitù e la tratta degli schiavi saranno proibite sotto qualsiasi forma.

ecc.

Carta dei diritti fondamentali dell’unione europea

Dal preambolo:

“I popoli europei nel creare tra loro un’unione sempre più stretta hanno deciso di condividere un futuro di pace fondato su valori comuni.

Consapevole del suo patrimonio spirituale e morale, l’Unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità umana, di libertà, di uguaglianza e di solidarietà; l’Unione si basa sui principi di democrazia e dello stato di diritto. Essa pone la persona al centro della sua azione istituendo la cittadinanza dell’Unione e creando uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia.

L’Unione contribuisce al mantenimento e allo sviluppo di questi valori comuni, nel rispetto della diversità delle culture e delle tradizioni dei popoli europei, dell’identità nazionale degli Stati membri e dell’ordinamento dei loro pubblici poteri a livello nazionale, regionale e locale; essa cerca di promuovere uno sviluppo equilibrato e sostenibile e assicura la libera circolazione delle persone, dei beni, dei servizi e dei capitali nonchè la libertà di stabilimento.”

Mi sorge un quesito: il trattamento che viene riservato alla Grecia, risponde a questo preambolo?

e ancora:

“Il godimento di questi diritti fa sorgere responsabilità e doveri nei confronti degli altri come pure della comunità umana e delle generazioni future.”

Art. 1 La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata e tutelata.

Art. 2 comma 1 Ogni individuo ha diritto alla vita.

Art. 6 Ogni individuo ha diritto alla libertà e alla sicurezza.

Art. 7 Ogni individuo ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare, del proprio domicilio e delle sue comunicazioni.

Art. 10 comma 1 Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione.

Art. 11 comma 1 Ogni individuo ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche e senza limiti di frontiera.

ecc.

A noi ricordarle ed attuarle.

Se apprezzi quello che scrivo e vuoi che continui così, metti mi piace alla pagina ^^


Condividi questo articolo citando la fonte, senza alterarne il contenuto e senza scopo commerciale: questo articolo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Submit a comment