Lavori sulla zona zero

In Senza categoria

Continua da prime attività sul terreno.
Come ho già sottolineato, quando siete in procinto di lanciarvi in un progetto, lavorate subito al fine di insediarvi il prima possibile sul posto. Fate lavori sulla zona zero (casa e dintorni secondo Permacultura). Spostarsi continuamente da casa al terreno costa tempo e denaro. Stare sul posto vi permette di viverlo e vederlo in ogni condizione.

casetta felpagialla

Lavori sulla zona zero

La casetta che è sul posto, affiancata da un rudere, necessita di un intervento primario di rimozione di amianto e di lavori di ristrutturazione affinchè diventi ospitale. Abbiamo ripulito gli accessi per facilitare le attività di rimozione dell’amianto. Alcune foto prima e dopo.

Non ce ne era tanto di amianto, ma nel Lazio non è possibile procedere all’autorimozione come in altre regioni, quindi per l’intera attività ci siamo affidati ad una azienda, dopo aver richiesto una serie di preventivi. E’ una spesa importante, ma dovremmo poter usufruire di una detrazione del 50%.

Infine, tra i lavori sulla zona zero, altra pulizia la abbiamo fatta all’interno, togliendo anche roba varia rimasta del precedente proprietario. Quanto potevamo tenere e recuperare comunque lo abbiamo tenuto.

Una parentesi sull’amianto

Considerato l’impatto del problema amianto in Italia, mi spiace che una persona si ritrovi a dover affrontare una grossa spesa. Mi ritengo fortunato per non averne tanto da smaltire.

Non c’è agevolazione sull’IVA nel mio caso. Un suo azzeramento sarebbe un incentivo a rimuovere, tradotto in risparmio dei futuri costi in sanità pubblica. Chi decide di affrontare questa spesa crea già con questa azione un beneficio al territorio e alla salute pubblica. Dover pagare anche l’IVA…

Il bonus che ho trovato del 50% è un primo passo, ma ancora poco. E’ bassa la percentuale ad oggi rimossa di amianto, rispetto a quanto ne è ancora presente.

C’è molta carenza di informazione per una procedura che dovrebbe essere, da protocollo, rapida e indolore. Ci sono tristi stime di numero di patologie e morti ancora per i prossimi decenni a causa della presenza di amianto sul territorio.

Se conoscete siti con presenza di amianto, potete sollecitare il proprietario o segnalarli all’Osservatorio Nazionale Amianto. Se siete voi i proprietari rimuovetelo subito.

Se apprezzi quello che scrivo e vuoi che continui così, metti mi piace alla pagina ^^


Condividi questo articolo citando la fonte, senza alterarne il contenuto e senza scopo commerciale: questo articolo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Submit a comment