In campagna, beato te…e chi ti ammazza?!

In Campagna

Immagine: http://pequodrivista.com/lasciatevi-incantare/

Visto che di recente un ragazzo, in un commento ad uno dei miei articoli con tendenze “vacci piano col bucolico che le rose in campagna hanno le spine”, ha scritto “ma è tutto così tragico?”, oggi voglio rincarare la dose. Non ricordo se e cosa gli ho risposto, non trovo il commento, ma me lo ero segnato su un foglietto.

L’articolo di oggi è più che altro una risposta ai vari parenti/amici di bocca larga che fanno affermazioni tipo: “che sogno in campagna, stai lì tranquillo a vederti i tramonti, fai la vita semplice con la natura e gli animali, respiri aria pulita. Che vita, beato te, e chi ti ammazza!?”.

Nonostante gli abbia già fornito sufficienti spunti di riflessioni, quando uno è di coccio deve sbattere la capoccia da solo, destando improvvisamente la sua coscienza.

Chi ti ammazza? Vediamo:

  • Una vipera in campo aperto
  • Il trattore che si rovescia
  • La motosega che impazzisce
  • Un albero abbattuto che si abbatte su di te
  • Il vicino con la lupara mentre discutete sui centimetri di confine
  • Un vespaio, le tue api o qualche grossa bestia di famiglie affini
  • Un cane randagio
  • Un cinghiale
  • Attrezzature meccaniche varie
  • Soluzioni edili fai-da-te che vengono giù di punto in bianco
  • Soluzioni edili di aziende certificate che vengono giù di punto in bianco
  • Un colpo di sole
  • La serra che diventa un forno d’estate
  • Il pronto soccorso a 45 minuti dal campo
  • L’isolamento
  • Una frana
  • Una roncola che ti si pianta nella gamba e taglia la vena sbagliata
  • I pesticidi che il vicino, vestito come un tecnico nucleare, sta dando sul suo campo
  • La ASL, la polizia tributaria e/o la finanza
  • I clienti che si presentano ad ora di pranzo o quando riposi 5 minuti

Chi mi aiuta a completare la lista?

😀

Eppure…si va con più soddisfazione incontro a questi pericoli, rispetto al più alto rischio di finire male in un incidente stradale in città 😉

Se apprezzi quello che scrivo e vuoi che continui così, metti mi piace alla pagina ^^


Condividi questo articolo citando la fonte, senza alterarne il contenuto e senza scopo commerciale: questo articolo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

1 Comment

  1. Ciao Riccardo,

    abitavo in citta’ e sono passata alla campagna, ti cito un paio di cose che per la tua lista:

    -i topi ( che non avevo mai visto dal vero )
    – le lucertole che ti trovi appollaiate sul muro della camera da letto.
    -I tafani o le zanzare quando d’estate aspetti il tramonto per raccogliere le zucchine del tuo orto, e torni in casa bollato come se avessi la varicella.
    -I parassiti che ti rovinano l’entusiasmo e la produzione del tuo orto.

    🙂 🙂 🙂 CIAOOoooo

Submit a comment