Servizi: energia e gas sul terreno

In Fatto in casa, Terreno

Continua da “lo storico del terreno agricolo“. Da quando ho acquistato il terreno, una delle cose che mi viene chiesta più spesso è: ce l’hai la corrente? E il gas? In effetti, abituati ai servizi, l’idea di stare senza suona di pura follia. C’è chi lo fa, è possibile, ma decisamente poco comune. Non vi propongo quindi di stare senza energia e gas sul terreno…anche se è una sfida e una esperienza interessante.

Valutate quali sono le vostre reali esigenze e il vostro stile di vita (che in generale consiglio di ritarare). Alcuni terreni hanno i servizi, altri  hanno la possibilità di allacciarsi perchè il palo della luce è al confine, altri sono privi di energia o gas sul terreno.

Fare due conti prima

La vostra scelta dipende dal progetto che intendete realizzare. Parto dal presupposto che l’intento non sia quello di trasferire la vita di città in campagna, bensì di fare qualcosa più vicino all’ambiente e ai suoi equilibri.
Ogni intervento, ogni fonte, che sia rinnovabile o meno, ha un costo. Può essere iniziale e/o può essere spalmato nel tempo. Quanto costa cablare fino alla casa? Fatevi i conti e proiettate le spese nel tempo. C’è chi può stare senza o con limitate energia e gas sul terreno. Altri si rifiutano di rinunciare a qualcosa.

La giusta tecnologia, una intelligente riduzione dei consumi, l’uso dei dispositivi durante le ore diurne vi permettono di ridimensionare un impianto, riducendo l’investimento.

Un impianto solare ad isola

impianto solare ad isola su tiny house
Immagine: https://sionnachile.wordpress.com/2015/06/17/a-tiny-house-in-the-highlands/

Un impianto solare da 1KW per rendersi indipendenti va dai 1.500 ai 2.000 euro. 1KW è un terzo di quanto arriva in città, quindi non pensate di accendere forno e lavatrice insieme, dimenticatevi il ferro da stiro e asciugate i capelli quando c’è il sole.

Potete informarvi se potete recuperare la spesa. Considerate che ci sono molti incentivi per ogni intervento che va a migliorare l’efficienza energetica di una struttura. Il solare è sempre scalabile ed è un settore che vede miglioramenti annui: efficienza dei pannelli, integrazioni tecnologiche o capacità batterie, con parallelo calo dei costi.

Il fascino della rocket stove

Per quanto riguarda il gas, c’è chi usa la bombola, oppure un forno solare, una scatola di cottura, del biogas, una cucina economica con cui cucinare, mentre si scalda casa, o meglio ancora una rocket stove mass heater con cui cucinare, scaldare casa e l’acqua.

rocket stove per scaldare e cucinare
Immagine: https://insteading.com/blog/rocket-mass-heaters/

Ci sono molte soluzioni fai da te da sperimentare. Come anche un condizionatore solare per scaldarsi l’inverno…insomma, l’idea è non scegliere una sola cosa per tutto, ma combinare varie soluzioni per soddisfare tutte le esigenze…e divertirsi mentre si crea e sperimenta 😉

 



Condividi questo articolo citando la fonte, senza alterarne il contenuto e senza scopo commerciale: questo articolo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Submit a comment