Aria di cambiamento, evoluzione

In Filosofia, Persone, Viaggio Wwoof

Oggi siamo più evoluti che secoli fa. Ritengo che ognuno di noi, ogni minuto che passa, sia più evoluto dell’uomo che era il minuto precedente.
Ma che significa evoluzione? In scellerate decisioni e vita moderna, dov’è?.

La tecnologia

Progresso tecnologico non significa evoluzione dell’uomo. Al contrario, l’abuso della tecnologia rappresenta un pericoloso rischio di diminuzione di capacità cognitive ed intellettive: si demanda tutto e il cervello resta un accessorio atto ad inviare comandi al dito per cliccare su Google.
In un futuro robotico, dove le macchine fanno tutto e l’uomo niente, ci vedo un’evoluzione per le macchine, e non per l’uomo.

La natura

Proviamo a vederla da un punto di vista ambientale e di integrazione con l’ambiente e la natura. Ci sono piccoli villaggi sparsi in giro in alcune zone ancora incontaminate (curioso che si usi un termine che ha un’evidente accezione negativa) dall’uomo. Bello il giorno in cui, a ragione (e non abuso semantico), si userà il termine valorizzate dall’uomo.
In queste aree vivono popolazioni indigene che non hanno conosciuto il nostro sviluppo. Sono perfettamente in equilibrio con l’ambiente e la natura circostanti. Hanno loro tradizioni, forme di espressione, usi, costumi, riti, ecc.

Dove noi abbiamo squilibrato il rapporto con la Natura, loro sono in equilibrio. C’è chi sostiene che siano più evolute di noi. Questa è evoluzione? Evoluzione è decrescita? Se si volesse sinceramente tornare indietro, lo si sarebbe già fatto.
Penso che evoluzione richieda una crescita e non il contrario.

Quando ce n’è per tutti

Quando le cose vanno bene, come si suol dire, ce n’è per tutti, il sistema vive uno stallo. Un equilibrio dove si vuole preservare (a tutti i costi) una sorta di benessere. Ogni uomo si sveglia la mattina ripetendo senza cambiamenti il trascorso del giorno precedente: stasi.
Non si vuole offrire margine di cambiamento nè di evoluzione. Ma dove cessa il movimento, dove inizia la stasi, inizia la morte.

Si potrebbe pensare sia un sistema già evoluto. Se quindi non necessita di ulteriore evoluzione, lo si deve considerare addirittura perfetto!
Esiste un sistema del genere?

Gli indiani d’America

Quest’estate feci una chiacchierata con un cliente del Podere Novo 153. Si parlava di evoluzione, società e degenerazione.
I nativi indiani d’America sono spesso citati per il loro equilibrio con l’ambiente, per il rispetto della Vita e di ogni forma vivente. Io stesso ho riportato alcune citazioni in questo blog (non sempre autentiche, ma comunque ottimo spunto di riflessione).
Sapevano stare in equilibrio.
Ma come le popolazioni indigene, e come in un utopico sistema perfetto…era permesso loro di evolvere?

Ecco cosa mi disse quel signore.

I capi dei villaggi avevano compreso il problema, e morendo, si reincarnarono in Europa, per tornare come scopritori e conquistatori delle Americhe. Portarono lo squilibrio, sbilanciarono i piatti. Questo permise di sbloccare lo stallo vissuto dai loro popoli e permettere il salto evolutivo. Il mondo muoveva rapidamente verso nuove mete, loro erano fermi e non più in grado di interiorizzare esperienze nuove per crescere.

Materialismo

L’epoca che stiamo vivendo (consumi, ipocrisia, competizione, incoscienza, ecc.) porta il pendolo da un lato. Ma questo ricadrà dall’altra parte. Sbattere il grugno sulla solidità della materia, serve da trampolino per quando, una volta sazi del tangibile, cercherete altrove.
E’ importante che ci si spacchi la testa sulla roccia, perchè solo così si avrà interiorizzato l’esperienza e si sarà pronti per affrontare con consapevolezza e coscienza un percorso diverso.

La caduta dell’essere umano, che deve toccare il fondo per darsi la spinta.

La libertà non arriva per diritto o per grazia. La libertà va conquistata. Solo allora è libertà.

La Svizzera

Mi trovo in Svizzera. Mio fratello dice che sembra di essere in un Playmobil.

Le scenette e le città che i bambini costruiscono giocando: voi assemblate il negozio, la stazione di polizia, il porticciolo, la scuola, ecc. E’ tutto precisissimo, inquadratissimo: un ingranaggio perfetto; non a caso sono famosi per gli orologi!
Eppure, io percepisco un sistema in stasi. E’ il sistema che perpetua sè stesso e potrebbe farlo per l’eternità.

Evoluzione

Evoluzione non è sinonimo di Darwin. Non è evoluzione della specie, ma evoluzione dell’umano.
Potete percepirla dentro di voi ed intorno a voi.

Evolvere: E-volvere -> E-volgere

Il prefisso E viene da EL. EL è Dio o il Sole (hELoim, ELios, EmanuEL, ecc.)
Quindi Evolvere significa letteralmente volgersi a Dio (volgersi al sole e farsi la tintarella non vale! 😛 ).

Non credete in Dio? Attenzione a non dare per scontato che io mi riferisca alla dottrina della chiesa!
Potete chiamarlo architetto, potete chiamarlo potenza, motore immobile, uno, primo, ecc. O semplicemente intelligenza: pensate agli sforzi che noi facciamo per far funzionare piccoli marchingegni e a come la natura opera maestosamente così semplicemente, intelligentemente e…naturalmente 🙂

Se credete in niente (frase che posso solo scrivere, ma non immaginare, in quanto evidentemente impossibile), allora abbiate fede in voi stessi e negli esseri che siete, e che sono accanto, dopo, insieme e dentro di voi. Il calore umano è ciò che vi resta e in esso, dove sommamente rifulge una scintilla divina (che lo vogliate o no), volgete il vostro essere.

EL-Levando lo spirito ed il pensiero evolviamo!

Vi auguro il meglio che potete essere.

Submit a comment